Carlo e Camilla, è finito il lockdown: pronti per il primo impegno di lavoro «dal vivo»

Il principe e la moglie saranno i primi membri della royal family britannica a tornare al lavoro. L’appuntamento è a Londra la prossima settimana per incontrare Emmanuel Macron. L’occasione? Un anniversario storicoIl decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Il decennio di Carlo e Camilla Si sono abituati alle videoconferenze, alle riunioni di famiglia via Zoom (pare che il principe Filippo, neo 99enne sia il più tecnologico tra i Windsor) e a stare lontani, ma anche per i membri della royal family britannica è tempo di tornare al lavoro full time, con incontri di rappresentanza dal vivo e uscite pubbliche.

I primi a tornare a Londra saranno il principe Carlo e la moglie Camilla, che la prossima settimana, giovedì 18 giugno, incontreranno Emmanuel Macron a Clarence House, in occasione dell’80 esimo anniversario del discorso del Generale De Gaulle a Radio Londra, sulla BBC, considerato fondamentale e alla base della Resistenza francese. In quel discorso, iscritto nel registro Memoria del Mondo dell’Unesco, De Gaulle incitava il suo popolo a combattere contro il Terzo Reich.

Per l’occasione, quindi, l‘erede al trono e la duchessa di Cornovaglia lasceranno la loro residenza di Birkhall, in Scozia, dove si trovano dallo scorso marzo , quando l’emergenza Coronavirus aveva portato tutti i membri della famiglia reale a lasciare Londra per ragioni di sicurezza. Il principe Carlo, come è noto, ha contratto il Covid-19, complice un incontro con Alberto di Monaco, anche lui contagiato, ma entrambi si sono ripresi in fretta, nonstante qualche preoccupazione in più per l’erede britannico, classe 1948. Il principe era stato in isolamento per una settimana, lontano anche dalla moglie, negativa al tampone.

Carlo, poi, aveva parlato pubblicamente delle paure di quei giorni in un videomessaggio.   «In un momento senza precedenti e angoscioso in tutte le nostre vite, mia moglie ed io stiamo pensando soprattutto a coloro che hanno perso i propri cari in circostanze così difficili e anomale, e a quelli che devono sopportare la malattia, l’isolamento e la solitudine». La difficoltà più grande? Stare lontano dagli affetti più cari, cosa che è pesata molto anche in occasione del compleanno del padre. «Non lo vedo da molto tempo, mi manca», la confessione a Sky News . «E mi mancano i miei nipotini. Ho fatto diverse telefonate con FaceTime, e va bene, solo non è la stessa cosa». Il ritorno alla normalità, insomma, sembra ancora lontano per la royal family, ma gradualmente tutto potrà essere recuperato. A Carlo e Camilla spetta il primo passo. Poi ci sarà modo per riabbracciarsi tutti.

LEGGI ANCHE Il principe Carlo, il video messaggio dopo essere guarito dal coronavirus

LEGGI ANCHE La rara confessione del principe Carlo «Mi manca mio padre»

 https://www.vanityfair.it/people/mondo/2020/06/13/carlo-e-camilla-finito-lockdown-primo-impegno-lavoro-foto-gossip