Certificazione Cambridge Preliminary per 9 detenuti

È la prima volta che succede: dopo un corso di 64 ore, si è tenuta la prima sessione di esami e a dicembre sono stati consegnati i diplomiImpiegare il tempo passato in carcere per riscattarsi, esercitare il diritto allo studio, ricostruire la fiducia in sé stessi e negli altri, lavorare sul proprio futuro. Da tempo i penitenziari danno la possibilità ai detenuti di poter studiare e conseguire un titolo di studio che potrà tornare utile una volta che la pena a cui sono stati condannati sarà stata scontata. Ma è la prima volta che vengono consegnati diplomi per la certificazione della lingua inglese in carcere.

È successo nella Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, dove il 3 dicembre si è svolta la cerimonia di consegna dei diplomi di certificazione Cambridge Preliminary (Cambridge B1 – Preliminary PET), ottenuti dai nove detenuti che hanno partecipato al progetto «La certificazione linguistica internazionale in carcere: a change for the better », il primo corso in Italia rivolto alla preparazione per la certificazione della lingua inglese in carcere.

Il progetto è cominciato il primo marzo: il Centro Cambridge English Assessment ha verificato la possibilità di eseguire una sessione d’esame in carcere e, dopo un corso di 64 ore , il 15 giugno si è tenuta la prima sessione di esami Cambridge Preliminary in una scuola in carcere.

«Si tratta di un progetto pilota davvero unico e ambizioso per il contesto in cui si è svolto. In primo luogo gli studenti hanno saputo vedere nel corso e nella certificazione internazionale un’opportunità per poter entrare nel mondo del lavoro senza pregiudizi, considerandone la spendibilità una volta finito il percorso di detenzione», spiega la professoressa Rosa Scimone, referente del progetto. «In più hanno colto il valore di questa iniziativa come una forma di controllo attivo sulla propria vita : dalla consapevolezza della condizione ristretta alla proiezione di un futuro di reinserimento socio-lavorativo, favorendo la percezione dell’utilizzo del tempo in carcere come tempo della ricostruzione dell’io sociale e del sé interiore . Inoltre, molti studenti hanno riferito di aver apprezzato l’aspetto riempitivo e distraente del corso, che è diventato un’opportunità per alimentare la mente».

La certificazione Cambridge English, rispetto ad altre certificazioni linguistiche, è valida per sempre : potrà rappresentare uno strumento spendibile nel curriculum futuro dai detenuti.

LEGGI ANCHE Il racconto di Floriana, detenuta a Rebibbia: «Avrei voluto un’altra vita»

LEGGI ANCHE Domenica una partita di calcio con papà in carcerehttps://www.vanityfair.it/news/diritti/2019/12/13/certificazione-cambridge-preliminary-per-9-detenuti