Coronavirus, Bianca Balti in lacrime per la sua Lodi: «Resisti, tornerò da te»

Da Los Angeles, la modella legge una toccante lettera per la sua città natale, che sta vivendo ore drammatiche a causa della pandemia: «Il mio corpo è lontano ma la mia mente è prigioniera. Finché l’Italia non sarà guarita io starò immobile, fiera delle mie origini»Rimani a casa se ti hanno detto di isolarti Se hai sintomi non andare in ospedale Isolati anche dalle persone con cui vivi in casa Getta il fazzoletto usato e chiudi accuratamente l’immondizia Ordina la spesa a domicilio Un grido d’amore. Estremo, incondizionato. Bianca Balti , dalla sua residenza americana , legge una meravigliosa lettera indirizzata alla sua città natale, Lodi, nelle ultime settimane messa in ginocchio dal coronavirus : «Il 19 marzo 1984 sono nata all’Ospedale Maggiore », esordisce la modella. «Ho trascorso i 36 anni della mia vita prima a sognare di esplorare il mondo e poi facendolo. Ho viaggiato per lavoro , ho visitato paesi per curiosità, ho vissuto a New York e in Spagna , ora chiamo Los Angeles “casa”».

«Perché per me la vita è sempre stata più grande di Lodi e il mondo un tutt’uno da essere scoperto », aggiunge Bianca, rallentando un po’. «Eppure, come un bambino che è sicuro dell’amore dei suoi genitori e si sente forte nei propri passi da solo, pure io – certa delle mie origin i – non ho avuto paura a fare le mie esperienze. Lodi è la forza che mi porto dentro e mi dà coraggio », dice ancora con la voce rotta dal pianto, «la bambina curiosa in me che mi porta lontano, l’abbraccio materno che mi protegge».

Poi arriva la parte tragica : «Ora che Lodi sta soffrendo, il mio coraggio e la mia innocenza tentennano . Non mi importa più di esplorare questo mondo grandissimo , non provo gioia a vivere nella soleggiata Los Angeles. Non riesco a pensare a quale sarà il mio prossimo passo . Sono ferma, immobile, come la mia cara Lodi. Il mio copro è lontano , ma la mia mente è prigioniera oltre i confini», sottolinea Bianca. «Con la mia famiglia , con i miei amici, ma francamente con tutti voi, lodigiani e italiani ».

La lettera della modella diventa così un grido di unione , sempre più commovente. «In questo momento così delicato non importa chi siete , vi sento tutti miei fratelli e mie sorelle, acquisiti da una lotta e da un senso civico comuni. Finché l’Italia non sarà guarita, io sarò immobile con voi. Immobile e fiera delle mie origini », conclude Bianca, lasciandosi andare ad un pianto liberatorio. «Lodi ti amo, resta forte così che io possa venire da te presto». Lontana col corpo, appunto, ma vicina col cuore .

LEGGI ANCHE Coronavirus, Justin Trudeau in isolamento con la moglie positiva

LEGGI ANCHE Coronavirus, asciugarsi bene le mani è importante quanto lavarle

 https://www.vanityfair.it/people/italia/2020/03/13/coronavirus-bianca-balti-lacrime-lodi-resisti-lettera-video