Coronavirus, firmata l’ordinanza che dispone test per chi arriva da 4 Paesi a rischio

Chi rientra da Croazia, Grecia, Spagna e Malta dovrà dimostrare di essere negativo. Fra le nuove ipotesi, mascherina all’aperto e coprifuocoIl timore di una seconda ondata ha imposto nuove misure di sicurezza contro il coronavirus: il Governo, durante una riunione straordinaria della Conferenza Stato – Regioni, ha deciso di uniformare i provvedimenti. Così, ieri sera, il ministro per la salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che dispone test e tamponi per chi arriva da 4 Paesi ritenuti a rischio . Adesso «le persone che intendono fare ingresso nel territorio nazionale e che, nei quattordici giorni antecedenti, hanno soggiornato o transitato in Croazia, Grecia, Repubblica di Malta o Spagna » e arrivano negli aeroporti e nei porti devono presentare «l’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo », e hanno «l’obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento».

È anche stata aggiunta la Colombia alla black list dei paesi da cui l’Italia non consente l’ingresso.

Il Governo ha anche chiesto una linea unitaria per quanto riguarda le regole per le località turistiche (sulla stessa costa, a pochi chilometri di distanza, alcuni Comuni fanno rispettare i divieti, mentre altri autorizzano feste in spiaggia e falò): i governatori delle Regioni sono stati sollecitati a far rispettare il divieto di assembramento e a potenziare i controlli, oltre che a impedire l’apertura dei locali all’aperto , luogo di affollamento di centinaia di giovani. Se le disposizioni non saranno rispettate, il Governo ripristinerà l’obbligo delle mascherine all’aperto e il numero chiuso anche nelle strade e nelle piazze, vietando anche, dopo una certa ora, la circolazione, in una sorta di coprifuoco.

LEGGI ANCHE Vacanze, la pandemia non blocca le ferie. Gli italiani vogliono partire

LEGGI ANCHE Cinema: «Non riapriamo se rimane l’obbligo della mascherina»https://www.vanityfair.it/news/cronache/2020/08/13/coronavirus-firmata-ordinanza-che-dispone-test-per-chi-arriva-da-4-paesi-a-rischio