«Girls»: la rivoluzionaria serie di Lena Dunham disponibile su Sky Atlantic Confidential

La serie rivoluzionaria scritta, ideata e interpretata da Lena Dunham è disponibile su Sky Atlantic Confidential, il pop-up channel powered by Vanity Fair dedicato alle storie al femminileGirls Girls Girls Girls Girls Girls Girls Non ci fosse stato Girls , serie come Fleabag e Broad City probabilmente non sarebbero mai nate. È stato il coraggio di Lena Dunham, infatti, a spingere il piccolo schermo a una rappresentazione femminile più sfaccettata, più legata ai difetti che ai pregi. La serie di HBO andata in onda per sei stagioni non ha risparmiato nulla: egoismo, rotoli di grasso, dipendenza droghe, tutto. Le quattro giovani protagoniste che vivono a New York City con le colleghe più glamour di Sex and the City  hanno poco e niente da spartire: i soldi scarseggiano, i sogni sono sempre più opachi e il bisogno di guardare avanti per cercare di sopravvivere sempre più urgente. Sono proprio queste, se ci pensiamo bene, le premesse di Girls , una serie innovativa che in Italia è passata quasi sotto silenzio e che ora è finalmente disponibile su Sky Atlantic Confidential,  il pop-up channel powered by Vanity Fair  che dall’8 al 28 maggio occupa il canale 111 di Sky proponendo storie al femminile che hanno fatto la storia della televisione, tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, alle 9.

La protagonista è Hannah, interpretata dalla stessa Dunham, qui anche ideatrice e produttrice esecutiva insieme a Judd Apatow, un’aspirante scrittrice poco più che ventenne costretta a ridiscutere le proprie aspirazioni dopo che i genitori decidono di tagliarle i fondi per il mantenimento. Accompagnata dalle migliori amiche Marnie (Allison Williams), Jessa (Jemima Kirke) e Shoshanna (Zosia Mamet) , la ragazza scoprirà presto quanti sbagli è necessario commettere per farsi largo nella «città che non dorme mai», che più che una vecchia amica pare un microcosmo ostile per chiunque non abbia le risorse necessarie per affrontarla. Criticata per la rappresentazione della violenza sessuale e per le molte scene di nudo di Dunham, Girls ha il merito di scrivere un’importante pagina della storia della televisione, un manifesto che sembra suggerire alle donne che nella vita si può anche sbagliare e non essere perfette, l’importante è trovare la forza di rialzarsi e ricominciare da capo.

LEGGI ANCHE Le serie tv al femminile al via su Sky Atlantic Confidential, in collaborazione con Vanity Fair

La serie, che ha vinto numerosi premi tra cui il Golden Globe per la migliore serie televisiva e il Bafta Tv Award per la migliore serie internazionale , si basa, per stessa ammissione di Lena Dunham, su «figure femminili realistiche», lontane dagli stereotipi e da una rappresentazione piatta e bidimensionale della donna. Dalle adolescenti ricchissime di Gossip Girl  dell’Upper East Side prende le distanze e cerca il chiaroscuro, soffermandosi su «un errore alla volta» e ponendosi come un vero e proprio manifesto della generazione dei Millennial. Girls, che chiude i battenti nell’aprile del 2017 dopo 62 episodi , è l’esempio più riuscito di questa esigenza che, finalmente, Sky Atlantic Confidential apre al suo pubblico.

LEGGI ANCHE Se «Girls» sbarca in Italia (con quattro anni di ritardo)

LEGGI ANCHE Lena Dunham e il pericolo di «razzismo hipster»

LEGGI ANCHE Addio Girls, (finalmente) Hannah è cresciuta

 https://www.vanityfair.it/show/tv/2020/05/14/girls-serie-tv-lena-dunham-sky-atlantic-confidential