I capoclasse

“Siamo investiti di un’autorità conferitaci dall’eccezionalità degli eventi, al pari di quando, bambini, la maestra intronava uno di noi alla lavagna, divisa in due da una riga verticale, di qui i buoni e di là i cattivi…” Dalla rubrica di Mattia Feltri su Vanity Fair in edicolaEcco che cosa siamo diventati, come Alberto Sordi nel Vigile . Investiti di un’autorità conferitaci dall’eccezionalità degli eventi, al pari di quando, bambini, la maestra usciva dall’aula per prendere il caffè con la collega e intronava uno di noi alla lavagna, divisa in due da una riga verticale, di qui i buoni e di là i cattivi, il potere assoluto nel gestore del gessetto, che spesso aveva dei conti da regolare. I prefetti – ultimissime notizie – stanno cominciando a dire ai probi cittadini di darsi una calmata, basta con le telefonate, le forze dell’ordine non ce la fanno a stare dietro a ogni segnalazione delle sentinelle alla finestra – signor maresciallo, tal dei tali oggi è uscito tre volte, è tornato a far la spesa al pomeriggio dopo esserci andato al mattino, è uno che non sa che siano le regole, ha sempre tenuto la musica alta. Ci siamo svegliati tutti col pennacchio. Si è assistito a scene di ridicolaggine suprema, e tragiche, viste in prospettiva, di vigilantes incaricati di incanalare il traffico della gente in coda con la sporta fuori dai supermercati, il timbro imperioso di voce, la grave responsabilità ben sceneggiata – signora! Tenga la distanza! Forza, tocca a lei! Entri! Aspetti! Doveva essere così, col sovrapprezzo delle botte, nel via vai del gulag. Non inorridite al parallelo: l’indole è sempre uguale, quella degli ausiliari del traffico ospitata in ognuno di noi. E infatti il Gran Capo della sciagura si è caricato sulle spalle il peso tormentoso del comando, ha detto che ce le possiamo scordare Pasqua e Pasquetta. Col tono del bidello che dispone dell’accesso al cortile e lo nega ai monelli. Quando, a torto o a ragione, le libertà vengono meno, quelli sono i tempi dei caporali. Ricordiamocelo.

 https://www.vanityfair.it/vanity-stars/mattia-feltri/2020/04/13/i-capoclasse