Il metodo Natked (e la criosauna) provati per voi

Quello di Natked è un approccio olistico al benessere, che mette insieme yoga, climbing, tecniche di danza e arti marziali. Per un esercizio naturale, «istintivo», ma assolutamente efficace. Garantisce l’acido lattico il giorno dopoIl metodo Natked Il metodo Natked Il metodo Natked Il metodo Natked Il metodo Natked Il metodo Natked Il metodo Natked Arrivi in palestra e sembra tutto regolare, a parte gli attrezzi in legno e materiali naturali, e le scarpe da lasciare rigorosamente all’ingresso. No, non si tengono addosso neppure i calzini durante la sessione di allenamento Natked , metodo fitness 100% italiano (che definire solo fitness, però, è riduttivo), brevettato da Gianluca De Benedictis,  presidente e direttore tecnico del gruppo.

Natked è presente a Milano in due sedi: una in via Amerigo Vespucci, all’ombra dei nuovi grattacieli di Gae Aulenti, e poi in uno spazio all’interno dello Shopping District di City Life. Entrambi essenziali, eleganti e naturali, i centri restituiscono già al primo colpo d’occhio lo stile e l’anima dell’allenamento. Che è altrettanto naturale, elegante e «pulito». E si sviluppa a stretto contatto con il proprio corpo , in tutti i suoi elementi più caratteristici: i piedi nudi, la camminata diretta sul terreno (o il parquet in quercia), il respiro, la fluidità dei movimenti.

Quello di Natked è un approccio olistico al benessere , inteso a 360 gradi. Ma che cosa vuol dire? «Che costruiamo ogni Work Out in base alle esigenze individuali, elaborando una sequenza di movimenti ed esercizi che danno vita a un percorso integrato che si ispira a discipline come animal flow, yoga, climbing, tecniche di danza e arti marziali», mi spiega De Benedictis prima di cominciare una breve sessione pratica.

Non vi convince? Lo confesso: all’inizio ero un po’ scettica anch’io, ma poi l’allenamento mi è piaciuto, perché è stato fisicamente stimolante senza essere sfiancante, muscolare ma non noioso (e lo dice una abituata agli sport dinamici, mica agli attrezzi in palestra). E, soprattutto, mi ha permesso di ritrovare nei movimenti una componente quasi ancestrale, e di gioco : dallo squat con cui si finisce (quasi) a gattonare, alle trazioni in verticale che ci ricordano di quando stavamo aggrappati, da piccoli, le prime volte in piedi (magari voi non lo ricordate, ma il vostro corpo sicuramente sì).

Del resto Natked questo vuol dire: un acronimo che mette insieme la parola natural , intesa come essenzialità e recupero dell’istintività del movimento; e naked,  nudo, riferito al piede scalzo che favorisce la percezione del terreno, dello spazio intorno, e di sé.

Per finire in bellezza, poi, o meglio «al freddo»: l’allenamento si può concludere con una criosauna , doccia gelida – ma assolutamente sopportabile – di 3 minuti (anche 5 per i più temerari), che mentre abbassa la temperatura corporea aumenta la capacità energetica, stimola il rilascio di endorfine, migliora la circolazione e rafforza il sistema immunitario, potenziando di fatto gli effetti dell’esercizio fisico. Anche se no, non mi ha salvata dall’accumulo di acido lattico il giorno dopo…

LEGGI ANCHE Tutte le news sul mondo del fitness

In alto, la gallery con le tendenze fitness di quest’anno >>

LEGGI ANCHE I nomi (sempre più) strani dei corsi in palestra

LEGGI ANCHE Inferno Run, torna la corsa più diabolica d’Italiahttps://www.vanityfair.it/benessere/fitness/2019/12/14/palestra-esercizi-fitness-metodo-natked-criosauna