Il testamento a favore degli animali: domande e risposte

Il 13 settembre è la giornata internazionale del lascito solidale e Lav dedica una settimana all’argomento con incontri e dirette. Ecco le risposte ai dubbi e alle domande più comuni di chi sta pensando di garantire il futuro dei proprio animali del cuoreCos’è un lascito solidale? Se ho figli o parenti posso destinare comunque una parte a una Onlus? Come si fa un testamento? Se ho a cuore una specifica causa animalista come posso fare? Se ho un animale cosa posso fare? E se cambio idea, posso modificare il testamento? In assenza di testamento, a chi andranno i mie beni? Per fare testamento devo essere ricco? C’è chi li ha amati per tutta una vita, e decide di prendersene cura anche oltre. È il caso di quanti fanno un lascito testamentario a favore degli animali : una possibilità consentita dalla legge nell’ambito dei lasciti solidali, e che LAV (lega italiana antivivisezione) ricorda con una settimana di consulenze e iniziative informative.

L’occasione è quella del 13 settembre, giornata internazionale del lascito solidale , che LAV ha preso al volo mettendo a disposizione i propri esperti per una open week di informazioni e consulenze gratuite con il patrocinio e la collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato. Durante la «settimana dei lasciti» dal 14 al 19 settembre (info e prenotazioni su lav.it/lasciti ) infatti, chiunque potrà chiarirsi le idee su questa scelta che vuole menzionare nelle proprie volontà i diritti degli animali, e magari affidare i propri amici a qualcuno che se ne occupi anche dopo di noi.

Oltre alle consulenze da prenotare, telefonicamente o nella sede LAV di Roma, ci si potrà iscrivere anche al webinair Come e perché dedicare un lascito agli animali collegandosi il 15 settembre dalle 18 alle 19 oppure il 17 settembre dalle 11 alle 12. Durante l’incontro esplicativo parteciperanno la notaia Rosa Accarino, il direttore generale LAV Roberto Bennati, e lo staff dell’Ufficio legale dell’associazione, a cui si potranno anche rivolgere domande. Inoltre, il 10 alle 18 si terrà la diretta Facebook  in cui Ilaria Tordone, Responsabile LAV Area Lasciti intervisterà il notaio Gianluca Abbate, Consigliere del Consiglio del Notariato con delega al Terzo Settore per spiegare come funziona un lascito solidale . Mentre il 17 settembre alle 18 la diretta Facebook avrà come protagonista la testimonianza di Gabriele Bianchi che racconterà la sua scelta d’amore e testamento solidale.

«Il testamento rappresenta la chiara espressione delle proprie volontà ed è il modo migliore per ricordare i valori della nostra vita, come l’amore per gli animali» dichiara il direttore generale LAV Roberto Bennati . «La legge, attraverso il lascito solidale, ci offre uno strumento che consente di lasciare una traccia di noi nel futuro, investendo nei progetti in cui crediamo – spiega Gianluca Abbate, Consigliere nazionale del notariato con delega al Sociale e al Terzo Settore  – Con il testamento solidale, infatti, è possibile destinare una parte dei propri beni (anche di modico valore) a sostegno di organizzazioni no profit, dando così l’opportunità a un progetto di crescere e di svilupparsi grazie ai fondi garantiti dal proprio patrimonio. Trattandosi di decisioni importanti e, soprattutto, per garantire che esse vengano rispettate è determinante farsi consigliare da un notaio, che saprà suggerire le soluzioni migliori per ottenere il risultato voluto ed evitare errori o interpretazioni fuorvianti».

Se pensi che questa sia una scelta tipica di persone ricche e sole, sfoglia la nostra gallery con le risposte ai dubbi più comuni sul tema.https://www.vanityfair.it/lifestyle/animali/2020/09/13/il-testamento-favore-degli-animali-domande-e-risposte