L’alcol test ferma Brozovic (che passa col rosso)

Il croato dell’Inter è solo l’ultimo dei calciatori imprudenti al volante. Nel curriculum di Vidal e Caceres Porsche e Ferrari sfasciate, Bruno Peres carambolò alle Terme di Caracalla, multa e patente ritirata per Nainggolan. Non sono bravate. Sono reati che possono finire in tragedia, come capitò ad EdmundoDAVID TREZEGUET MARTIN CACERES MARIO BALOTELLI RADJA NAINGGOLAN BRUNO PERES MARCELO BROZOVIC ARTURO VIDAL BROZO MULTATO Alzano il gomito, spingono sull’acceleratore. Calciatori ubriachi al volante. Pericolosi per loro e per chi incrocia i loro destini. Se va bene capita come a Marcelo Brozovic, centrocampista croato dell’Inter, fermato per eccesso di velocità e fermato pure all’alcol-test. Tasso alcolemico di 0.54 g/L (il limite è 0,5 ndr), ha spiegato di aver bevuto una birra a cena. Guidava una Rolls Royce, era in giro per Milano alle due di notte, guardava i semafori ed evidentemente non capiva l’alternanza dei colori. E’ passato col rosso. Gli deve essere sembrata una cosa divertente. Patente ritirata, multa della società (1000.000 euro), figuraccia social dove l’hanno già battezzato «Sbronzovic». Sbaglia chi la definisce una «bravata». E’ un reato penale, che può avere conseguenze tragiche. Quindi niente «bravata» per favore.

Date a un calciatore una macchina potente e infilerà la rotonda dei guai. Le idiozie finiscono in tragedie. Il brasiliano Edmundo, «O Animal» per via del caratterino anche quando vent’anni fa giocava a Firenze, nel 1999 venne condannato a quattro anni e mezzo di carcere perché riconosciuto colpevole della morte di tre persone in un incidente stradale avvenuto a Rio de Janeiro. Era ubriaco fradicio. Più di recente Radja Nainggolan è rimasto trenta giorni senza patente.

In fatto di guida in stato di ebbrezza gli ex juventini Arturo Vidal e Martin Caceres hanno una fedina penale da brividi. Vidal si è schiantato un paio di volte, per fortuna senza gravi conseguenze . Una volta – immediatamente dopo l’incidente e ancora seduto in macchina – twittò che non era colpa sua. Un attimo dopo gli fecero l’alcol test e risultò positivo. Nel curriculum di Caceres – attualmente in forza alla Fiorentina – ci sono un paio di fermi (era alticcio), una Porsche Cayenne incastrata contro la fermata della metropolitana e una Ferrari 458 distrutta Italia mentre girava tra le strade di Torino, andando a sbattere contro due auto parcheggiate vicino alla fermata di un autobus. Non era lucido, no.

L’alcol rovina molte carriere. Qualcuno riesce a mantenersi ad alti livelli nonostante i guai (Gascoigne, lo stesso Maradona), altri invece deragliano. L’inglese Tony Adams ha vissuto due vite. Una da alcolizzato (quando giocava), l’altra da sobrio (quando ha smesso). Una volta a Londra andò a sbattere con la macchina contro ad un muro. L’alcool test disse che era 27 volte oltre il limite legale. Si fece qualche giorno di carcere, poi tornò a far danni. L’ex Roma Bruno Peres scelse una location storica – le Terme di Caracalla – per distruggere la sua Lamborghini. Cosa ci facesse in giro per Roma alle 5.30 di mattina nessuno ancora l’ha capito. Il problema è che poi diventano insolenti, maleducati, arroganti. Come David Trezeguet – ex centravanti della Juventus – che fermato per tasso alcolico oltre il limite consentito – si scagliò contro i vigili con il classico «Lei non sa chi sono io». Penoso.

L’attaccante del Sassuolo Defrel – quando giocava a Genova nella Sampdoria – carambolò con la sua auto in una scena da film. Uscì illeso, era però ubriaco. L’alta velocità, le manovre azzardate, il senso di onnipotenza, l’imprudenza. I calciatori non ne sono esenti. Tutt’altro. Non poteva mancare nella lista la «balotellata». SuperMario Balotelli qualche tempo venne fermato dalla Polstrada di Brescia mentre con la sua Ferrari stava sfrecciando a oltre 200 km./h. poco lontano dal centro cittadino. Ebbe il buongusto di scusarsi, ma nel mentre gli agenti videro una Lamborghini a velocità folle. Ne segnalarono la targa, scoprirono che apparteneva a Balotelli. SuperMario l’aveva prestata ad un amico. Stavano facendo una gara.https://www.vanityfair.it/sport/calcio/2020/07/13/lalcol-test-ferma-brozovic-che-passa-col-rosso