Le charity app: fare donazioni non è mai stato così semplice

Solidarietà smart con le app per la raccolta fondi: bastano pochi cli per dare il proprio contributoChiara Francini – 37 anni Natasha Stefanenko – 46 anni Caterina Balivo – 37 anni Elisa Sednaoui – 29 anni Martina Colombari – 42 anni Le charity delle star Anna Foglietta – 38 anni Probabilmente in questo periodo siamo sensibilizzati: si va dritti alle questioni importanti, perdendosi meno nel superfluo. Mai come ora sono richieste donazioni, aiuti, per gli ospedali, per chi ha perso il lavoro, per chi è malato . E di scuse, per non dare una mano, non ce ne sono davvero: basta un clic e si fa un versamento, facilissimo. Le raccolta fondi attraverso Facebook sono diventate la norma: ognuno la può mettere in piedi cliccando il «Sostieni una no profit» e scegliendo tra un lunghissimo elenco proposto.

Ma di app che aiutano a rintracciare le charity che hanno bisogno di sostegno, ormai ce ne sono parecchie e fare affidamento a queste può aiutare a devolvere i propri soldi in modo veloce ed efficace. Spesso non sta tanto nella serietà della app (queste che vi segnaliamo sono fidate), quando nella loro interfaccia. Guardatene un po’ e scegliete quella che preferite. E poi, non c’è che donare: c’è bisogno dell’aiuto di tutti.

Fameroll è un’app solidale che ti mette in contatto con i tuoi artisti preferiti, dandoti la possibilità di ricevere da loro un video personalizzato e originale. Tu acquisti il video della tua star del cuore e fai una sorpresa a chi vuoi bene: dal semplice saluto agli auguri di buon compleanno da parte dell’attore preferito della mamma o un incoraggiamento per l’esame da regalare all’amico. Intanto Fameroll, dal canto suo, devolve la cifra a chi ne ha bisogno, supportando associazioni e progetti benefici.

GiveLively è una piattaforma completamente gratuita, l’organizzazione non trattiene nessuna commissione (è finanziata dalla Fondazione Soros): gli unici costi sono quelli che provengono dai processori di carte di credito. GiveLively consente alle organizzazioni di raccogliere donazioni attraverso semplici sms.

Charity Miles trasforma ogni chilometro macinato in fondi da devolvere in beneficenza ad associazioni che vi stanno a cuore. Un progetto made in USA che però potte sfruttare anche in Italia, completamente gratuita. Tutti guadagno qualcosa: voi vi rimettete in forma e i progetti che avete scelto di supportare ne traggono beneficio.

Budge chiede agli utenti di sfidare i propri amici a qualsiasi cosa, dalla partita a scacchi a una gara di calcolo: la persona che non vince fa una donazione a un’organizzazione benefica preselezionata.

Fundly è un’app mobile di crowdfunding che sembra un social network. Le organizzazioni possono facilmente condividere post di Facebook, video di YouTube e immagini per dare vita alle loro campagne.

Treedom è un progetto che supporta una causa specifica, quella ambientale, dando la possibilità agli utenti di adottare un albero con un click e seguirne la crescita e la vita con una semplice connessione a Internet. Una community che ha a cuore il verde del pianeta e i suoi benefici.

LEGGI ANCHE Volontariato aziendale: perché dovreste pensarci

LEGGI ANCHE I prodotti Ikea che fanno del bene

LEGGI ANCHE Manuela Ravalli. Fondatrice di CharityStars

 https://www.vanityfair.it/mybusiness/network/2020/04/14/charity-app-come-fare-donazioni