Licia Nunez: «E adesso un figlio»

L’attrice, appena uscita dal Gf Vip, è passata a un’altra reclusione. Ma alle montagne russe è abituata. Da quando ha fatto pace con il buio del passato, che qui racconta come si attraversa. Sognando un futuro con «la donna che amo e che sempre ci sarà»Licia Nunez Licia Nunez Licia Nunez Licia Nunez Licia Nunez , 42 anni, ha trascorso 87 giorni dentro la casa del Grande Fratello Vip. E appena ne è uscita ha trovato fuori un mondo completamente cambiato, in piena emergenza Coronavirus. La sera in cui è stata prelevata dalla casa di Cinecittà, l’attrice non ha trovato nessuno ad accoglierla, nemmeno il pubblico. Ha ricevuto quei guanti e quelle mascherine con cui tutti noi siamo ormai abituati a convivere ed è stata accompagnata a casa. «Quel che provo», racconta, «è ancora un senso di smarrimento, come fossi in un frullatore». E non è la prima volta. Nata in Puglia, andata via di casa giovanissima, Licia è salita più volte sulle montagne russe, e ormai ne possiede la patente. Spartiacque, un coming out arrivato nel 2012 in un’intervista a Vanity Fair: «Il mio cuore appartiene a una donna». Era la prima volta, allora, che parlava della relazione con l’attivista e politica Imma Battaglia. Ora a riabbracciarla – sempre a distanza di sicurezza –  ha ritrovato la compagna, Barbara Eboli, la prima persona qui ci racconta che le ha fatto venire voglia di costruire un futuro.

Come sta?

«Mentre tornavo a casa, appena uscita dalla casa, ho attraversato Roma in macchina. È stato surreale. Ho abbassato il finestrino e non ho sentito alcun rumore: solo un silenzio anomalo. Oggi la quotidianità è insolita, sono passata da una reclusione a un’altra. Appena ho rivisto Barbara l’ho stretta a me per un tempo indefinito. Anche lei indossava una mascherina, ed è stato l’abbraccio più lungo in trentatré mesi di relazione. A noi piace contare i mesi».

Come vi siete conosciute?

«Grazie ai nostri chihuahua. Ci siamo incontrate al momento giusto, noi siamo quelle due donne che non si sono scelte ma è la chimica che ha scelto noi. Un giorno mi ha scritto un messaggio, spiegando che il suo cane cercava una fidanzata, anche in amicizia. Ci siamo scritte, scherzando su un caffè da prendere prima o poi. È successo mesi dopo, dopo esserci incontrate in un parco vicino casa. Ci siamo sedute su una panchina, dove oggi ci sono ancora le nostre iniziali. Non avrei mai pensato che quelle “L” e “B” sarebbero diventate una realtà. Io mi stavo ancora leccando le ferite di una precedente storia e anche lei. Tutto è iniziato il 6 luglio del 2017. È stata la prima persona a dirmi che era disposta a nuotare nel mio dolore. Da allora ci siamo sempre state, l’uno per l’altra. Siamo state lontano, così a lungo, solo per il Grande Fratello».

Non ha pensato che il reality potesse essere un rischio per il vostro rapporto?

«Sapevamo che sarebbe stata un po’ la prova del nove. Prima di accettare le ho detto: “Barbara, posso farcela solo con la certezza che tu sei con me”. Perché sapevo che davanti alle telecamere avrei dovuto mettere a nudo anche il mio privato. Io ho parlato pubblicamente del mio orientamento diversi anni fa, Barbara invece no. Non è un personaggio pubblico ed è sempre stata molto discreta soprattutto sul lavoro».

Quanto pesano oggi i pregiudizi?

«Ci vuole ancora un grande coraggio a mettersi a nudo in una società come la nostra. Non c’è ancora la piena libertà. Ho tantissimi amici che hanno paura, che preferiscono non esternare la loro omosessualità. Per questo sento una grande responsabilità nei loro confronti. Io oggi sono orgogliosa della persona che sono e di chi amo, anche se molta gente mi etichetta ancora in maniera dispregiativa».

Il suo coming out è datato 2012.

«Avevo 30 anni e avevo passato troppo tempo a nascondere la mia realtà, quasi mi sentivo soffocare. In quel momento ero molto esposta, stavo girando la seconda stagione de Le tre rose di Eva ed ero innamorata di una donna. Ho sentito l’esigenza personale di volermi dichiarare ed è stata una grandissima liberazione».

In confessionale ha parlato anche di un altro dolore del suo passato.

«Sì, un aborto. Ho voluto raccontare quel trauma del 2003, perché riuscire a parlarne oggi rappresenta molto per me. All’epoca avevo 25 anni, stavo con un uomo più grande di me ed ero all’inizio della mia carriera. Quando ho scoperto di essere incinta mi sono spaventata e ho commesso il grande errore di non parlarne con nessuno, né con l’uomo con cui stavo, né con la mia migliore amica, tantomeno con mia madre. Volevo capire da sola, cosa fosse giusto per me e dopo circa 4/5 settimane quell’idea di aspettare un bambino è diventata dentro di me una convinzione. Mettevo la mano sul pancino e mi chiedevo come sarebbe stato, che volto avrebbe avuto mio figlio. Lo desideravo con tutta me stessa, ma un pomeriggio ho avuto una forte emorragia. Il ginecologo mi disse di andare subito da lui in clinica. Ho preso un taxi e contemporaneamente ho chiamato l’uomo con cui stavo. Quando gli ho raccontato tutto lui mi ha detto solo: “Ho bisogno di pensare”. Non l’ho mai più sentito. Sono arrivata in ospedale in extremis per salvare me. Da allora ho questa lunga cicatrice che non ho mai voluto coprire. Perché io sono anche quella, sono quel dolore. Dopo sono sprofondata».

Come si attraversa il buio?

«Io ho scelto di toccare il fondo, il mio migliore amico è diventato l’alcol. Mi sentivo in colpa come se fosse stata colpa mia. Ho avuto bisogno di tempo per capire. Sono stata dipendente dall’alcol per più di nove mesi, non ho più visto mia madre, gli amici. Mi vergognavo. Una notte ho capito che avevo davvero toccato il fondo: sono caduta in casa di notte, perché avevo bevuto. Mi sono svegliata per terra, il giorno dopo, e ho chiamato il mio ginecologo. Mi ha detto: “Adesso provvedo io. Hai bisogno di un sostegno”. Da lì ho iniziato un percorso di analisi, ho elaborato l’aborto come fosse un vero lutto».

Dentro la casa del Grande Fratello ha festeggiato anche il compleanno. Cosa si augura?

«Vorrei diventare madre, adesso sono pronta. Quando ho conosciuto Barbara gliel’ho detto subito: “Barbara, tu prendi Licia, ma prendi anche una parte di me che non c’è più, che è rimasta lì in quel mese del 2003”. Lei l’ha capito, come ha capito il mio desiderio di maternità maturato in questi ultimi anni. Mi sono sempre detta che sarei voluta diventare madre se ci fossero state le condizioni giuste. La prima? Avere una relazione solita perché un bambino deve crescere in un ambiente pieno d’amore, indipendentemente se quelle persone che si amano solo due donne, due uomini, un uomo e una donna. Adesso non si può, ma appena il mondo sarà più tranquillo è quello il mio desiderio».

Intanto quale sarà la prima cosa che farà finita la quarantena?

«Dentro il Grande Fratello , prima che sapessimo del mondo fuori, ci scherzavamo sempre. Immaginavamo cosa avremmo fatto una volta fuori. Io dicevo che volevo andare al mare e stare in silenzio. Ora, invece, desidero abbracciare mia madre. Non la vedo dal 13 dicembre. Abbiamo sempre avuto un rapporto complesso, ma negli ultimi anni l’abbiamo recuperato».

LEGGI ANCHE Laura Pausini, la diretta con mamma Gianna per raccontarsi senza filtri

LEGGI ANCHE Naomi Campbell ricorda lo scherzo organizzato con Diana a William adolescente

LEGGI ANCHE Cristina Marino e Luca Argentero quasi genitori «Il regalo più bello»https://www.vanityfair.it/people/italia/2020/04/14/licia-nunez