Mascherine a scuola: le risposte dei pediatri a dubbi e fake news

Indossare a lungo la mascherina può avere degli effetti sulla salute dei bambini? A scuola meglio le mascherine chirurgiche o quelle in tessuto? E dove riporle quando non si utilizzano? Le risposte della Società Italiana di Pediatria ai dubbi dei genitori e alle fake news che circolano in reteQuando va indossata la mascherina a scuola? L’uso prolungato della mascherina può essere pericoloso per la salute? Si possono usare mascherine in tessuto a scuola? Dove riporre la mascherina quando non viene utilizzata? Quali regole adottare a scuola per un uso corretto della mascherina? È vero che la mascherina indebolisce il sistema immunitario? Come sensibilizzare i bambini all’uso della mascherina? Dopo il lungo periodo di lockdown che ha costretto milioni di bambini e ragazzi a sessioni di didattica a distanza, si torna finalmente in classe . All’entusiasmo di questo nuovo inizio, però, si accompagnano ancora molti dubbi e incertezze su come funzionerà di fatto la scuola in epoca di emergenza sanitaria .

Tra le questioni più dibattute dell’ultimo periodo, quella relativa all’utilizzo delle mascherine in classe da parte dei bambini dai 6 anni in su, una misura necessaria, secondo il Comitato Tecnico Scientifico , che ha però visto sorgere non poche perplessità.

Per chiarire ogni dubbio e per sfatare il falsi miti che ormai da mesi circolano in rete, abbiamo parlato con la Dottoressa Elena Bozzola , segretario nazionale della Società Italiana di Pediatria che proprio all’argomento aveva già dedicato un video esplicativo  .

«La mascherina va indossata dai bambini allorché non sia possibile mantenere un adeguato distanziamento di un metro – ribadisce la Dottoressa – Va quindi indossata per entrare in classe o laddove siano previsti spostamenti. In linea generale può essere tolta quando si sta al banco anche se alcuni istituti , a scopo precauzionale, richiedono l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale durante tutta la permanenza a scuola ».

Ed è proprio il prolungato utilizzo delle mascherine da parte dei bambini che negli ultimi mesi ha fatto sorgere dubbi e perplessità relativi ai rischi che potrebbero esserci per la salute dei piccoli. È vero dunque che indossare a lungo la mascherina può essere pericoloso?

«Assolutamente no – afferma l’esperta – È importante rassicurare i genitori che le mascherine non comportano nessun rischio per i bambini sani , nemmeno in quelle scuole dove è previsto l’utilizzo dei dispositivi di protezione anche per 5 o 6 ore consecutive.  Noi come Società Italiana di Pediatria abbiamo di recente firmato un articolo ora pubblicato sulla rivista scientifica Italian Journal of Pediatrics in cui vengono confutate tutte le tesi sui potenziali pericoli della mascherina: non si tratta di un nostro personale punto di vista ma di un’opinione ormai condivisa da un’importante comunità scientifica ».

Tuttavia perché la mascherina sia realmente efficace è bene far rispettare ai bambini delle semplici ma fondamentali regole .

«La cosa importante è spiegare ai bambini che la mascherina è un utile strumento di protezione se usata correttamente e che comuqnue da sola non basta – continua la Dottoressa Bozzola – Bisogna insegnare loro che per mettere la mascherina, così come per toglierla,  è bene avere le mani ben pulite con acqua e sapone o con gel disinfettante. Allo stesso tempo dobbiamo insegnare ai bambini che quando la mascherina è bagnata va sostituita subito perché perde la sua efficacia ».

Un dubbio ricorrente riguarda anche aspetti pratici, legati alla quotidianità sui banchi . Nel momento in cui ai bambini è consentito togliere la mascherina, dove devono riporla?

«Le indicazioni sull’uso dei dispostivi di protezione devono riguardare senza dubbio anche questo aspetto – chiarisce la Dottoressa Bozzola –  la mascherina non va lasciata sul banco o tenuta appesa all’orecchio piuttosto che al gomito, altrimenti si rischia di contaminare anche gli indumenti. Se è una mascherina riutilizzabile, andrà riposta correttamente in un apposito porta-mascherina o in un semplice sacchettino : ogni genitore potrà trovare la formula più congeniale. Naturalmente bisogna anche ricordare che le mascherine riutilizzabili vanno lavate quotidianamente ».

E a questo proposito, fermo restando che di recente il Comitato Tecnico Scientifico ha dichiarato che ogni giorno verranno inviati agli istituti 11 milioni di mascherine per gli alunni, se la scelta del dispositivo di protezione ricadesse in realtà sui genitori, su  quali tipologie è bene puntare? Si possono far indossare a scuola anche mascherine in tessuto o è comunque meglio la mascherina chirurgica ?

«È difficile rispondere in modo univoco ” – precisa la Dottoressa – “esistono diversi modelli di mascherine in tessuto. Diciamo che è possibile puntare su mascherine riutilizzabili purché abbiano una garanzia di qualità certificata, quindi con 4 strati che garantiscano una buona protezione. Meglio invece evitare il fai da te ».

Infine, come è possibile sensibilizzare soprattutto i più piccoli che stanno per iniziare la scuola, all’uso corretto della mascherina?

«Se non sono già stati allenati durante l’estate – risponde il segretario nazionale della Società Italiana di Pediatria –  è bene sensibilizzarli prima dell’inizio della scuola. È importante porre l’accento sul modo in cui parlarne ai bambini: la mascherina non deve essere vissuta come costrizione o come qualcosa di cui avere paura ».

Nella gallery in alto le risposte della Società Italiana di Pediatria ai dubbi più frequenti e alle fake news sull’utilizzo delle mascherine da parte dei bambini.

LEGGI ANCHE Rientro a scuola in sicurezza: il parere dei pediatrihttps://www.vanityfair.it/lifestyle/bambini/2020/09/13/mascherine-scuola-le-risposte-dei-pediatri-dubbi-e-fake-news