Morire di polmonite, succede a 800mila bambini nel mondo

Nel 2018 sono stati oltre 800mila i bimbi con meno di 5 anni morti nel mondo per polmonite. Per questa e altre patologie ogni giorno nel mondo muoiono 15 mila bambini in età prescolare.La mortalità infantile nel mondo è in costante diminuzione, ma i numeri restano comunque alti e impressionanti. Nel 2018 sono stati oltre 800mila i bimbi con meno di 5 anni morti nel mondo solo per polmonite , una morte ogni 38 secondi. La maggior parte di loro aveva meno di due anni.

«Ogni giorno, circa 2.200 bambini sotto i 5 anni muoiono a causa di polmonite, una malattia curabile e quasi sempre prevenibile», ha spiegato Henrietta Fore , direttore generale dell’Unicef. I dati dicono che questa causa di morte viene prima di diarrea, 437.000 bambini, e malaria, 272.000 vittime. Oltre la metà delle morti di bambini a causa di polmonite è avvenuta in soli 5 paesi: Nigeria, India, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo ed Etiopia.

La mancata vaccinazione è una delle cause dell’alto numero di morti. Nel 2018 71 milioni di bambini non hanno ricevuto le tre dosi raccomandate di Pcv (vaccino pneumococcico coniugato). La maggiore diffusione del vaccino ridurrebbe i casi. A livello globale poi, il 32% dei bambini con sospetta polmonite non viene portato nelle strutture sanitarie.

Appena il 3% delle spese per le ricerche per le malattie infettive è destinata alla polmonite, che però causa il 15% delle morti nei bambini sotto i 5 anni. Nel 2013, Organizzazione mondiale della Sanità e Unicef hanno pubblicato il primo Piano d’azione globale integrato per la prevenzione e il controllo della polmonite e della diarrea.

Il dato è ancora alto, ma è all’interno di un trend positivo. Negli ultimi vent’anni il tasso di mortalità infantil e si è ridotto secondo un’analisi pubblicata da Nature: la mortalità sotto i cinque anni è scesa da 9,7 milioni di decessi nel 2000 a 5,4 milioni nel 2017. Questi dati hanno però una netta distinzione territoriale. Nei 99 paesi a basso e medio reddito ci sono stati il 93% dei decessi di bambini sotto i 5 anni del 2017. Ogni giorno nel mondo muoiono 15 mila bambini sotto i cinque anni.

Secondo i ricercatori , più della metà dei decessi considerati nell’indagine sarebbero stati prevenibili con una maggiore igiene e vaccinazioni. A questo si aggiungono anche motivazioni sociali e religiose come la scarsa considerazione per le donne e le discriminazioni nei confronti di gruppi etnici, oltre alle violazioni dei diritti umani e le guerre.

LEGGI ANCHE In Congo la più grande epidemia al mondo di morbillo: 4000 morti

LEGGI ANCHE Morbillo, triplicati i casi nel mondo nei primi sette mesi del 2019

LEGGI ANCHE Vaccini, l’Oms: «Venti milioni di bambini senza salvavita»

LEGGI ANCHE Morbillo, triplicati i casi nel mondo nei primi sette mesi del 2019https://www.vanityfair.it/news/cronache/2019/11/14/morire-polmonite-succede-a-800mila-bambini-nel-mondo