Pianegonda, tra passato e presente

La celebrazione della diversità e la lotta agli stereotipi tornano protagonisti nella nuova campagna del brandUna modella di colore posa di fronte a candide statue bianche. Un’immagine che racconta la volontà di creare un dialogo, quello sul desiderio di cambiare rotta, di abbattere discriminazioni, stereotipi, pregiudizi.

Un tema caro a Pianegonda   che, attraverso le sue campagne pubblicitarie, non manca di sottolineare il valore dell’inclusione e il desiderio di un capovolgimento culturale. Come nell’ultimo progetto dove, protagonista, è proprio una donna forte, androgina, fiera, sicura di sé, determinata nel raggiungimento dei propri obiettivi. Una donna in grado di porsi con un atteggiamento di sfida nei confronti della tradizione, scegliendo di essere se stessa, senza paura.

Sono tre le tipologie femminili rappresentate nella comunicazione: Intelligent, Powerful, Free Spirit.  Dall’arte rinascimentale di Michelangelo alle fugaci pennellate futuriste di Boccioni, dalla marmorea classicità del Canova agli audaci tagli nella tela di Fontana. Un percorso evolutivo alla riscoperta di nuovi valori che esulano da antichi canoni di perfezione, celebrando il mondo in ogni sua diversità. La sfida tra presente e passato viene rappresentata dall’infinito , simbolo per eccellenza capace di esprimere sentimenti d’amore, senza limiti, né confini e scelto per rappresentare in anteprima la Collezione Tecum  composta da catene leggere dal gusto elegante e minimal. La particolare forma dell’otto disteso e il sistema di unione delle maglie permettono di allungare e personalizzare il gioiello mixando argento e oro in maniera semplice e al tempo stesso unica.LEGGI ANCHE Top in paillettes: il nuovo volto (scintillante) del basic

LEGGI ANCHE Tutte le tendenze moda per l’Autunno-inverno 2020/21https://www.vanityfair.it/fashion/news-fashion/2020/10/14/pianegonda-campagna