Truccarsi in lockdown ha aiutato le donne a stare meglio. Lo dice uno studio

Durante il lockdown le donne hanno reagito in modo diverso: c’è chi ha continuato ad applicare il make-up per non rinunciare a un po’ di colore che mette il buonumore e chi ha scelto di prendersi una pausa. Gli uomini? Hanno tutti la barba lunga. Ecco come eliminare i segni della «faccia da lockdown» per tornare alla normalitàTutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Scrub capelli: tutti i benefici del detox alla cute Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Le maschere per sgonfiare il viso dopo gli eccessi delle feste Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Tutti i prodotti beauty da provare Secondo un sondaggio della catena Boots No7,  quasi la metà delle 1.800 donne intervistate nel Regno Unito, ha continuato a truccarsi ogni giorno nonostante il lockdown. L’80 per cento di loro afferma di essersi sentita meglio con se stessa e il 52 percento ha rivelato di aver cambiato gli essential della beauty routine nelle ultime settimane.

Questo studio ha confermato che la bellezza può dare un aiuto psicologico, e i cosmetici sono una spinta per il benessere mentale e l’accettazione di sé. «La cura di sé è fondamentale per il nostro benessere, mostrare al nostro corpo un po’ di amore e attenzione, ci ricorda quanto siamo apprezzati», ha affermato la psicoterapeuta Lucy Beresford nell’articolo del Telegraph che riporta lo studio. «La cura della pelle e il trucco possono svolgere un ruolo fondamentale nel normalizzare la nostra routine quotidiana e migliorare il nostro umore durante periodi di turbolenza o incertezza».

Durante la pandemia sono emerse sicuramente due scuole di pensiero: c’è chi si è preso una pausa dai prodotti di bellezza in favore di un aspetto più naturale, e chi ha addirittura incrementando la beauty routine approfittando del maggior tempo a disposizione. Qualsiasi sia la scelta, l’importante è che sia fatta in modo consapevole, con l’intento di sentirsi meglio, e non con quella trascuratezza che ci vuole presentabili solo per gli altri.

Tra gli uomini , sicuramente più attenti allo skincare rispetto a una volta, ma non ancora con un beauty mindset perfettamente rodato, sta prevalendo il look selvaggio. Molti stanno lasciando crescere la barba in modo incondizionato. L’attore Jim Carrey, per esempio, ha promesso di «farsi crescere la barba finché non torneremo tutti al lavoro», incoraggiando i suoi follower di Instagram a fare lo stesso.

COME RICONOSCERE IL VISO DA LOCKDOWN

Il viso da lockdown soffre di problemi di pelle innescati dallo stress e dal cambiamento dello stile di vita. Lo stress alza il livello dell’ormone cortisolo , che peggiora l’acne e accelera l’invecchiamento. Ecco l’identikit della faccia da lockdown: i segni di espressione sono più visibili, gli sfoghi come brufoli e rossori sono più evidenti, e la carnagione è spenta.

I brufoli da stress: anche se non soffrite di acne, sulla pelle potrebbero comparire delle imperfezioni. Si combattono con i trattamenti mirati, ma anche con yoga e meditazione, e con michele calmanti di oli alla lavanda da vaporizzare sul cuscino per dormire sonni più tranquilli.

Le occhiaie sono più evidenti: c’è chi sta facendo sogni più vividi perché ha allungato la fase REM del sonno, e chi invece ha perso l’equilibrio del suo ritmo circadiano. Insieme al fatto che si passano molte ore davanti allo schermo con gli effetti collaterali della luce blu, e borse e occhiaie sotto gli occhi potrebbero essere più evidenti.

Le rughe di espressione: passare molte ore sullo smartphone accentua il movimento di aggrottare la fronte e lascia i segni di espressione più visibili. Negli ambienti indoor, inoltre, è più facile che la pelle si disidrati, problema che si può risolvere con una buona idratazione e con una crema a base di retinolo da applicare alla sera. Anche l’automassaggio aiuta a distendere i tratti del viso, facendolo apparire più rilassato.

La pelle spenta: chi si trucca di meno non deve comunque rinunciare a una buona detersione e all’esfoliazione per rimuovere le cellule morte. I prodotti con vitamina C aiutano a dare nuova luce al viso così come gli integratori di vitamina D.

LEGGI ANCHE Come sistemare le sopracciglia in quarantena

LEGGI ANCHE Barbara D’Urso e le altre: le star senza trucco in quarantenahttps://www.vanityfair.it/beauty/make-up/2020/05/13/truccarsi-lockdown-ha-aiutato-le-donne-stare-meglio-lo-dice-uno-studio